Scuola serale: come funziona

Evening schoolLa scuola serale consiste in un corso che permette di recuperare gli anni scolastici persi o di ottenere di novo il diploma di maturità dopo essersi fermati alla scuola secondaria di primo grado.

È stata concepita per i lavoratori, quindi le lezioni si svolgono nel tardo pomeriggio o di sera; i loro corsi sono aperti anche ai disoccupati. Per iscriversi alla scuola serale bisogna essere maggiorenni e spesso è aperta anche ai cittadini stranieri in possesso di permesso di soggiorno. I vantaggi della scuola serale pubblica rispetto ai corsi privati di recupero anni sono: costi contenuti, possibilità di studiare in scuole pubbliche vere e presenza di docenti altamente specializzati nell’insegnamento agli adulti.

I programmi delle scuole serali sono concepiti per ottenere il diploma di maturità con tempistiche diverse rispetto alla scuola dell’obbligo: infatti, c’è la possibilità di seguire programmi brevi (come due anni in uno). Inoltre esistono corsi professionali altamente integrati con il mondo del lavoro che prevedono tirocini e attività professionalizzanti volti a facilitare la ricerca di un’occupazione nel caso di studenti disoccupati.

Per quanto riguarda l’obbligo di frequenza, ogni corso serale ha le sue regole. Gli studenti hanno l’obbligo di frequentare le lezioni e non possono sperare di conseguire il diploma senza aver seguito buona parte del corso; tuttavia, c’è la possibilità di assentarsi di tanto in tanto e, come in qualsiasi scuola che si rispetti, bisogna presentare una giustificazione. È comprensibile che i frequentanti dei corsi serali abbiano la necessità di assentarsi occasionalmente: spesso si tratta di persone occupate in attività lavorative o con a carico una famiglia, quindi si tende ad andare incontro alle loro esigenze.

Al termine del corso della scuola serale, gli studenti devono sostenere l’esame di Stato. Questo ha luogo in una scuola pubblica, indipendentemente dal corso di provenienza, e le date e rispettivi orari corrispondono a quelli degli studenti della scuola diurna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *